La Baklava - Ricetta e Origini

La Baklava é un dolce la cui origine è rivendicata da diversi popoli. 
L'origine più attendibile sembra essere quella turca. 
Pare infatti che il sultano, durante l'impero ottomano, lo donasse alle sue guardie personali il quindicesimo giorno del mese del Ramadan durante una cerimonia chiamata "Baklava Alayi" dalla quale, appunto, il dolce prenderebbe il nome.
All' origine era un pane sottile farcito di noci tritate e cotto nel forno.
Nel corso degli anni, la preparazione di questo dolce subì delle variazioni.
I greci, ad esempio, lo fecero con un pane sottilissimo come una foglia che chiamarono fillo (foglia in greco), proprio quella che si utilizza ancora oggi.
Ogni paese ha la sua ricetta e, secondo gli ortodossi, questo dolce deve essere fatto a 33 strati, come 33 sono gli anni di Cristo.






La pasta fillo si trova in commercio, sia surgelata che fresca, ma la si può realizzare anche in casa.
Io ho usato quella già pronta...prima o poi, però, proverò a farla, anche se l'unica difficoltà è la tiratura della pasta, così sottile da farla sembrare carta.


Ingredienti
Pasta fillo g 500
Burro g 150
Granella di frutta secca g 500 
(mandorle, noci, pistacchi)
Acqua ml 500
Zucchero semolato g 250
Cannella 2 stecche
Chiodi di garofano 10


Preparazione


Preparare lo sciroppo facendo bollire a fiamma alta l'acqua con lo zucchero e le spezie fino a raggiungere una consistenza leggermente densa e lasciare in infusione mantenendolo tiepido.
Spennellare il fondo di una pirofila, o teglia antiaderente, con burro fuso.
Adagiare un primo foglio di pasta fillo, spennellarlo con burro fuso e sovrapporgli altri 3 fogli spennellando di burro ogni foglio ( si possono utilizzare anche i ritagli).
Distribuire abbondante frutta secca e formare altri due strati allo stesso modo del primo, finendo con la pasta fillo.
Incidere in profondità la baklava, dare la forma preferita e versare sulla superficie il burro rimasto.







Infornare a 180°, fino a quando i tagli si aprono e la superficie diventa dorata.






Sfornare la baklava, distribuire sopra lo sciroppo e fare riposare per almeno 12 ore prima di consumarla.


Stampa la Notizia Proponi suOkNotizie

Gustosi Petti di pollo al latte con pancetta, funghi, patate e pecorino siciliano


Una ricetta dalla facile preparazione per rendere appetitosi i petti di pollo 









Ingredienti

(grammatura in base ai gusti personali)

Petti di pollo
Latte
Patate
Funghi trifolati (anche in scatola)
Pancetta affumicata a listarelle
Pecorino siciliano grattugiato
Sottilette
Prezzemolo
Cipolla
Olio
Sale




Preparazione

Mettere i petti di pollo in una ciotola, coprirli di latte e lasciarli in ammollo per circa 1 ora. Così facendo, il latte li renderà morbidi.

Far cuocere in un tegame le patate, dopo averle sbucciate, ben lavate e affettate, con cipolla affettata, pancetta, olio e sale.
A metà cottura delle patate, inserire nel tegame i petti di pollo, i funghi, una spolverata di pecorino e finire la cottura regolando di sale.
A fine cottura, aggiungere il prezzemolo tritato, altro pecorino e le sottilette, che si scioglieranno con il calore.
Servire caldi o tiepidi.














Stampa la Notizia Proponi suOkNotizie

Le raffinate confetture di castagne


Con le castagne si possono preparare diversi tipi di confetture e creme da invasare, tutte adatte alla preparazione di dolci farciti come crostate, biscotti, torte ecc...
Oppure si possono consumare a cucchiaiate quando si ha voglia di qualcosa di buono...
Propongo due ricette: la prima è semplice, di base, la seconda aromatizzata, quindi più particolare.
Sia l'una che l'altra hanno, però, un sapore raffinato.









Ingredienti

Castagne lessate kg 1

Zucchero semolato g 800





Preparazione

Fare asciugare al sole, per un paio di giorni, le castagne, se appena raccolte.

Dopodiché,  sbucciarle e tuffarle per un paio di minuti in acqua bollente, scolarle e togliere la pellicina.
Rimettere le castagne a cuocere in acqua bollente fino a quando si ammorbidiscono e ridurle in crema con il passa verdure.
In un tegame fare sciogliere lo zucchero con un po' di liquido di cottura delle castagne, unire il passato di castagne, mescolare e cuocere per circa 15 minuti.
Versare la confettura nei vasetti sterilizzati, avvitare bene il tappo e tenere a testa in giù fino a completo raffreddamento, oppure sterilizzare nuovamente.


Confettura di castagne al liquore

Ingredienti

Castagne lessate g 750
Zucchero semolato g 500
Acqua dl 3
Alloro 1 foglia
Scorza grattugiata di 1/2 limone
scorza grattugiata di 1/2 arancia
Brandy oppure Rum 1 bicchierino


Preparazione

Dopo aver sbucciato e spellato le castagne, lessarle in acqua aromatizzata con alloro e ridurle in crema con il passa verdure.
In un tegame mettere lo zucchero, il passato di castagne e fare bollire per circa 15 minuti.
A fine cottura aggiungere le scorze d'agrumi e il liquore scelto, ed invasare come da ricetta base. 
Se si preferisce si può fare una preparazione con sole scorze d'agrumi, oppure solo liquore.

Stampa la Notizia Proponi suOkNotizie

Pasta con salsa di pomodoro fresco e basilico

Buongiorno, amici!
Da un pò di tempo sono assente dal mio blog, perchè impegnata nei preparativi di un evento per me speciale, il matrimonio di mia figlia, che sarà giorno 9 Settembre. 
Proprio perchè mi trovo tra mille cose da fare e sempre con il timore di dimenticare qualcosa, ho poco tempo da dedicare alla cucina. 
Solitamente le mie preparazioni in cucina sono pratiche e alla portata di tutti e in questo periodo ancor di più.
La ricetta della pasta al pomodoro è di una facilità assoluta, nelle sue molteplici varianti, e probabilmente non desta neanche curiosità, ma è un pretesto per lasciarvi un saluto nell'attesa di ricominciare alla grande.










Ingredienti

Pasta a scelta ( io ho acquistato pasta fresca)
Pomodori ben maturi
Olio evo
Sale
Basilico fresco
Aglio




Preparazione

In un tegame mettere i pomodori tagliati a piccoli pezzi, con olio e aglio e far cuocere per circa dieci minuti, con coperchio, su fiamma bassa, schiacciando i pomodori durante la cottura, con un cucchiaio di legno.
Quasi a fine cottura aggiungere abbondante basilico e a fine cottura il sale.
Se il pomodoro non è molto dolce si può aggiungere un pizzico di zucchero.
Scolare (ma non molto) la pasta e saltarla con il sugo preparato.


Stampa la Notizia Proponi suOkNotizie
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...